Intitolazione forum regionale immigrazione Puglia

Il 4 settembre a Bari l’intitolazione del Forum Immigrazione Puglia a Stefano Fumarulo. La coordinatrice M. Mastroluca: “Il modo migliore per tener vivo il ricordo di Stefano è portarne avanti impegno e “visione” politica”

“Il modo migliore per tener vivo il ricordo di Stefano Fumarulo è portarne avanti impegno e “visione” politica”. Si apre così il comunicato stampa diMichela Mastroluca, Coordinatrice regionale del Forum Immigrazione, creato nell’ambito del Dipartimento del Pd pugliese dedicato a questo tema, che il 4 settembre prossimo, a partire dalle ore 17,00, nel Palazzo della Città Metropolitana di Bari (Lungomare Nazario Sauro, 29), terrà la sua prima iniziativa pubblica. Nel corso della stessa avrà luogo anche l’intitolazione ufficiale del Forum al giovane dirigente pugliese prematuramente scomparso pochi mesi fa.

“Come Dipartimento Immigrazione e Mediterraneo PD Puglia avevamo creato con Stefano un dialogo ed una collaborazione – prosegue la Coordinatrice del Forum e Responsabile Immigrazione regionale Pd – che si sono concretizzati nella nostra partecipazione al MiCS Puglia (Migrazione Condivisa e Sostenibile), un percorso di ascolto e condivisione voluto e promosso dalla Regione Puglia per scrivere il Piano Triennale delle Politiche Migratorie, che ha toccato tutte le città capoluogo di Provincia ed è rimasto privo del suo incontro conclusivo a causa dell’improvvisa scomparsa di Stefano.”

Il programma dei lavori conta sulla presenza di tanti ospiti: a introdurre il tema dell’iniziativa sarà Atish Andrea Rambaran (Vice Coordinatore Forum Immigrazione Puglia) e, dopo i saluti di Ubaldo Pagano (Segretario Pd dell’Area Metropolitana di Bari) e Antonio Decaro (Sindaco di Bari e Presidente Anci), interverranno Michela Mastroluca, Roberto Venneri (Dirigente ad interim della Sezione Politiche per le migrazioni Regione Puglia), Salvatore Negro(Assessore regionale al Welfare) e l’on. Michele Bordo (Presidente della Commissione Politiche UE della Camera dei Deputati).

“Qualche mese fa abbiamo voluto creare e mettere in piedi un luogo più ampio e partecipato di discussione sul tema, un Forum regionale sull’immigrazione, ed abbiamo sentito la necessità di intitolarlo a Stefano, perché vorremmo provare a farci carico dell’eredità che, col suo lavoro e col suo esempio, ha dato a tutti noi e far sì che questo non vada disperso.

Mai come in questo momento la credibilità della classe politica si gioca sul tema dell’immigrazione e sulla sfida dell’integrazione. C’è chi specula sulle legittime paure dei cittadini pur di raccattare qualche voto e chi prova a misurarsi con questa sfida e a governare nel modo migliore questo fenomeno strutturale.

È facendoci carico di questa responsabilità – conclude Mastroluca – che proseguiamo il lavoro che Stefano Fumarulo aveva iniziato nella nostra terra e cerchiamo di onorare il suo ricordo.

Il Ministro Boschi a Bari

Sabato 22 Ottobre ore 20.30 Presso il nuovo centro congressi della Fiera del Levante. Non mancare.

XYLELLA e CoDiRO: Problematiche e Prospettive di Intervento

Il PDPUGLIA vi invita a partecipare alla Conferenza dibattito dal titolo “XYLELLA e CODIRO: problematiche e prospettive di intervento” , che si terrà martedì 18 ottobre alle ore 16.00 presso la sala conferenze del Partito Democratico, via Re David, 17 – Bari.
Riteniamo utile riprendere la discussione all’interno del Partito Democratico pugliese su questo tema e provare a dare un contributo unitario e propositivo.

La Responsabile Agricoltura PD Puglia
Elvira Tarsitano
Il Segretario Regionale PD Puglia
Marco Lacarra

LA FILIERA LATTIERO CASEARIA: STATO DELL’ARTE E PROSPETTIVE

lunedì 12 settembre 2016, sala 1, Ingresso Italo-Orientale del Centro Congressi Fiera del Levante – Bari, ore 9.00-13.00

Come affrontare la grave crisi che da anni attanaglia la filiera lattiero-casearia italiana?
Come risollevare le sorti di un comparto produttivo di fondamentale importanza per la Puglia e per l’Italia intera?
Come tutelare tradizioni regionali che esprimono eccellenze nel gran numero di prodotti di qualità?

In sintesi, con quali strumenti la filiera lattiero-casearia può tornare ad essere competitiva sul mercato internazionale e ad essere remunerativa soprattutto per le aziende del Mezzogiorno d’Italia?

Se ne discute lunedì 12 settembre, dalle ore 9:00, nella sala 1 della Fiera del Levante di Bari, durante la conferenza pubblica indetta dal PD e alla quale parteciperanno esperti di settore, amministratori pubblici e tecnici di marketing e sviluppo commerciale con l’obiettivo di individuare una politica di filiera che non solo faccia massa critica a livello produttivo, ma anche a livello istituzionale per promuovere e difendere la produttività della macro-area meridionale. A tale scopo abbiamo coinvolto il ministero delle Politiche Agricole e le Istituzioni Locali.

La situazione, infatti, è estremamente complessa: l’Italia non è autosufficiente ed è costretta ad importare dal Nord-Europa il doppio della materia prima necessaria, tra produzione e consumo interno. Il quadro si è ulteriormente aggravato con l’abolizione, nell’aprile 2015, delle quote latte europee che ha fatto crollare del 25% il prezzo del latte ed ha inasprito il divario già esistente sul mercato, sbilanciandolo ulteriormente a favore del Nord-Italia che detiene il 70% della produzione nazionale.

La liberalizzazione del mercato, se in chiave economica può essere letta positivamente, in chiave produttiva può provocare un ulteriore incentivo all’abbandono da parte degli allevatori meridionali, che si sentono sempre più soli e incapaci di competere. Un dato estremamente significativo è rappresentato dal numero degli allevatori italiani: oggi circa 30.000, rispetto alle 100.000 aziende esistenti 25 anni fa.

La Distribuzione Moderna, schiacciata dalla crisi dei consumi e dai costi di gestione, spesso non collabora con le imprese di trasformazione, che a loro volta per competere svalorizzano e impoveriscono la loro produzione.

La capacità dei singoli Stati dovrà essere, dunque, quella di guardare a questo cambiamento nell’ottica di un’opportunità di stimolo alla creazione di reti di impresa e reti di mercati all’interno della filiera lattiero-casearia (produzione, trasformazione e commercializzazione) e nell’ottica di un lavoro politico comune per macro-aree con l’obiettivo di superare le difficoltà e generare un circolo virtuoso che sia modello di sviluppo per tutto il settore di riferimento.

Puglia, Campania, Calabria e Basilicata, nell’insieme, detengono il 10% della produzione nazionale e un gran numero di prodotti di eccellenza, ottenuti da latte vaccino, bufalino, caprino e ovino, che fanno di questi territori un unicum produttivo che non ha eguali in Italia. Ecco, dunque, la necessità di tutelare e promuovere la creazione di una rete di mercato coerente con la filosofia di sostenibilità ambientale e salvaguardia dei territori rurali.

Questa è anche la filosofia della nuova direttrice della PAC per la gestione dei prossimi programmi di sviluppo nazionali e locali.

Non resta, dunque, che coglierne le opportunità.

Conferenza stampa

pdpugliaOggi pomeriggio, alle ore 16, presso la sede regionale del PD, in via Re David 17 (Bari), il segretario Marco Lacarra terrà una conferenza stampa per l’analisi del voto in Puglia.
La conferenza stampa sarà trasmessa in diretta streaming sulla pagina facebook.